L’attesa è (quasi) finita.

19
settembre
2015

Scritto da Danilo Minarini

Categorie: News / Serie C

Poche ore ancora e la tensione raggiungerà il livello massimo, oppure no, scenderà a semplice livello di attenzione. Chissà. Alle volte, nello sport come nella vita, le emozioni si manifestano in maniera inattesa e spesso diversa dal comune sentire. Manca poco è sarà Derby, emiliano, bolognese, interland est contro interland ovest. Da una parte i bianco neri della SCAMA AUTRONICA VIRTUS Ozzano e dall’altra i bianco blu degli YANKEES di San Giovanni Persiceto. Roba da far tremare i polsi ed anche qualcos’altro…. Questa volta, al contrario di quanto accaduto nel 2014, dove la VIRTUS affrontò il Rovigo, team di altra categoria e praticamente imbattibile, le due formazioni che si giocheranno la promozione in serie B, in questo magico 2015, guidate rispettivamente da Massimiliano Cesari e Mario Monda, praticamente senza una favorita. Le strategie che i due coach adotteranno sono ancora sconosciute, certo è che vincere Gara 1 darebbe slancio, ed entrambi i coach lo sanno. Ma le strategie possono essere molteplici, sia in difesa che in attacco. Cesari e Monda giocheranno una specie di partita a scacchi ed entrambi, a sera, vorranno essere sul 2 a 0 e dormire sereni. Prima di tutto la rotazione dei lanciatori. Per quanto se ne sa entrambe possono contare su diversi giocatori che possono ricoprire “seriamente” questo ruolo. Mario ha dalla sua Gregori (che ha però tirato in coppa una valanga di lanci e non è stato avvicendato), Marchesini, Garcia e l’ex Saletti, poi qualcun altro che personalmente non conosco. Sul fronte virtussino troviamo Roncarati, Natali, Ponseca, Poppi, Guidi e, all’occorrenza Monopoli, Corradin ed altri outsider. L’elenco formazione del line up spesso non assume importanza rilevante, ma sbagliando l’ordine dei fattori, nel baseball, il risultato “può cambiare”, per cui diventa essenziale ragionare parecchio, anche su questo fronte. D’altronde è una finale, e le squadre di serie C non sono abituate a giocare due partite nello stesso giorno. Sarà dura per tutti.

Domani, domenica 20 settembre, si comincia, la Virtus parte giocando in trasferta, a San Giovanni, le prime due gare, ore 10,30 e 15,30. La settimana successiva, ci si trasferirà ad Ozzano Dell’Emilia, con gara 3, sabato 26, poi si vedrà. Per questo fine settimana esiste l’incognita maltempo, a guardare ora ilmeteo.it si direbbe che il rischio pioggia dalle 8 del mattino fino alle 14 sia certo e non probabile, vedremo. Il diamante di San Giovanni ha un buon fondo e se si copriranno bene le zone di casa base e monte ce la si dovrebbe fare, almeno per una partita.

Queste partite sono da vincere nel box di battuta. Chi batte più valide ha maggiori chanches. Sembra lapalissiano, ma non lo è. La Virtus è consapevole che qualche errore difensivo arriverà, per cui diventa assolutamente vitale battere, battere, battere.

Gli arbitri del primo doppio incontro saranno Marco Alinovi e Vittorio Bianchi, poteva andar peggio, ma anche meglio. In ogni caso come disse il saggio parlando di sport ed arbitri “Non ho mai visto un arbitro vincere o perdere una partita!”, ma non parlava di calcio, men che meno della Juventus, naturalmente.

Che vinca il migliore.